Ingresso Area Riservata Mappa del sito Contatti
Area riservata
www.cameracommercio.cl.it    27/07/2017 06:26:26
  Chi siamo - Dove siamo - Statuto - Codice Etico
  Amministrazione Trasparente
  Albo Pretorio on line
  Imprese - Lavoro - Incentivi - Piattaforma FILO
  Nuova CCIAA Agrigento Caltanissetta Trapani
IN PRIMO PIANO: Martedì 6 giugno TERZO INCONTRO DI “ECCELLENZE IN DIGITALE”
:: L'economia provinciale in sintesi
  Home
News
giovedì 24 marzo 2016
:: BREVETTI, MARCHI, DISEGNI E MODELLI - ATTENZIONE ALLE RICHIESTE DI PAGAMENTO
OCCHIO ALLA TRUFFA - BREVETTI, MARCHI, DISEGNI E MODELLI.
ATTENZIONE ALLE RICHIESTE DI PAGAMENTO


A seguito di numerose segnalazioni, la Camera di Commercio di Caltanissetta - sede d »
martedì 25 ottobre 2016
:: Arriva l’identità digitale Spid
Giovedì 27 ottobre 2016 la presentazione del nuovo servizio e del ‘kit per l’identità digitale’ a disposizione delle imprese e dei cittadini »
giovedì 1 dicembre 2016
:: ESAMI TAXI E AUTONOLEGGIO
Gli aspiranti tassisti e gli autonoleggiatori con conducente saranno sottoposti all’esame per l’accertamento dei requisiti di idoneità per l’iscrizione nel Ruolo dei conducenti di veicoli o natanti ad »
Le dinamiche dell’economia provinciale del 2010

La performance nissena - I fattori che condizionano le dinamiche economiche

La ripresa del commercio internazionale nel corso del 2010 ha rappresentato la principale fonte di crescita per i sistemi economici locali. In un contesto caratterizzato da elevata volatilità dei mercati finanziari e delle materie prime, da problemi di sostenibilità dei debiti pubblici e da incertezza, alimentata anche dai recenti disordini nell’area nord-africana ed araba, anche la domanda interna ha
stentato a recuperare, sotto la pressione di un mercato del lavoro ancora in difficoltà e delle conseguenti criticità a livello di redditi disponibili.
La capacità di affrontare le sfide competitive sui mercati internazionali ha, pertanto, determinato in misura significativa le performance di crescita del 2010. Dopo la caduta del 2009 del 3%, il Pil nazionale a prezzi correnti è tornato a crescere dell’1,8%. Traiettorie simili sono state sperimentate dal prodotto interno lordo della Sicilia e della provincia di Caltanissetta, sebbene con intensità differenti. In Sicilia, il Pil ha registrato un incremento dell’1,1%, dopo l’arretramento dell’1,4% del 2009.
Per quanto riguarda il sistema economico nisseno, il rimbalzo del valore della produzione nel 2010 è stato di notevole intensità (Pil +5,8%), ad indicare dunque una significativa capacità di reazione alle difficoltà della fase recessiva (-4,6% nel 2009). In questa sede è doveroso sottolineare come la valutazione della performance di crescita dell’economia di Caltanissetta, trattandosi di dati a prezzi correnti, deve tener conto dell’effetto dell’incremento dei prezzi, in particolar modo per quanto riguarda i prodotti petrolchimici che rappresentano una ampia quota della produzione totale nissena, e che hanno sperimentato un trend rialzista soprattutto a partire dalla seconda metà dell’anno.
Anche in un’ottica di medio periodo la dinamica della produzione dell’economia locale si è comunque dimostrata piuttosto vivace: tra il 2003 ed il 2010 il tasso di crescita medio annuo è stato pari al +2,6%, un dato superiore sia alla media regionale che a quella nazionale (entrambe pari al +2,1%).
Tali risultati sono ascrivibili ad alcuni fattori che condizionano l’assetto economico provinciale e ne
delineano l’evoluzione:
- una spiccata e consolidata vocazione industriale  (21,8% del valore aggiunto complessivo a fronte
della media regionale del 15,4%). Il petrolchimico ed il suo indotto costituiscono un supporto fondamentale sia in termini di contributo alla creazione di ricchezza che in termini di attrazione e qualificazione della manodopera;
- la preponderanza dei prodotti del comparto del coke e della raffinazione dei prodotti petroliferi (69%) sul totale dei flussi di export;
- la posizione geografica baricentrica, che offre vaste potenzialità nell’ambito del commercio internazionale. Lo sbocco agevole sui mercati del Nord Africa ed in generale su tutto il bacino del Mediterraneo offre importanti opportunità sia in termini di accesso a mercati sia in termini di reperimento di materie prime;
- l’elevata presenza di imprese di piccola dimensione (nel 2010 le ditte individuali a Caltanissetta sono il 78,2%; in Italia il 62,8%) che per quanto dinamiche, possiedono strutture finanziarie ed organizzative che in diversi casi possono rivelarsi non pienamente adeguate per affrontare le fasi cicliche meno favorevoli e la concorrenza internazionale;
- una situazione sociale caratterizzata da squilibri e da diverse criticità (la quota di famiglie al di sotto della soglia di povertà nel 2010 è pari al 31,4%, il dato più elevato tra tutte le province siciliane (media regionale 23,6%);
- un modello di sviluppo che non ha favorito il turismo; ad oggi, la provincia è sostanzialmente avulsa dai principali circuiti turistici regionali;
- una dotazione di infrastrutture di trasporto che determina esternalità negative per le imprese e marginalizza il territorio rispetto ai mercati esteri;
- una modesta presenza di infrastrutture sociali che presenta opportunità di investimento, nell’ottica di un miglioramento della qualità della vita e dell’attrattività turistica.

Il mercato del lavoro

Andando ad esaminare nel dettaglio i fattori alla base delle dinamiche congiunturali della provincia di Caltanissetta, si può osservare come sul mercato del lavoro si riscontra un aumento dei disoccupati, 14.172 nel 2010 rispetto ai 12.454 del 2009. Tuttavia, nonostante le difficoltà del 2010, nel medio periodo si rileva un trend migliorativo, considerando che tra il 2006 ed il 2010 è riscontrabile una riduzione del numero di disoccupati pari al 3,3%.

Consumi e ricchezza per abitante

Per quanto riguarda i consumi delle famiglie, nel 2009 nella provincia di Caltanissetta sono stati prossimi ai 3,1 miliardi di euro, con un calo del 2,2% rispetto al 2008.
Tale riduzione è ascrivibile soprattutto alla contrazione della spesa non alimentare (-2,7%), trattandosi in molti casi di spesa maggiormente comprimibile rispetto a quella alimentare (-0,5%). A livello pro-capite la spesa delle famiglie nella provincia di Caltanissetta nel 2009 è risultata pari a 11.341 euro, con una riduzione del 2,1% rispetto al 2008: un calo lievemente meno intenso rispetto a quello registrato a livello regionale (-2,3%) e nazionale (-2,6%).
Chiaramente, il volume e la dinamica dei consumi delle famiglie sono influenzati dal livello di ricchezza mediamente distribuita ai residenti. In questo ambito, in provincia di Caltanissetta il Pil pro capite, nel 2010, si attesta a 17.479,6 euro, pari al 68,2% della media nazionale, ma superiore alla media regionale.
Nel corso del 2010 si è assistito anche ad un aumento dell’erogazione di credito da parte del sistema
bancario nei confronto delle famiglie. Se in Italia si è registrata una crescita del 23,7%, nella provincia nissena si è rilevato un incremento del 15,9%, inferiore sia al dato nazionale che a quello regionale (18,5%). Gli incrementi nell’indebitamento nei confronti delle banche da parte delle famiglie hanno senza dubbio contribuito a sostenere i livelli di spesa a fronte delle riduzioni dei redditi disponibili comportate dalle difficoltà sul mercato del lavoro.

La domanda internazionale

In corrispondenza della ripresa degli scambi commerciali a livello globale, l’export della provincia di Caltanissetta ha sperimentato una performance molto positiva registrando un tasso di crescita dell’89,4%.
L’industria ha visto aumentare le proprie esportazioni del 91,9%, ma risultati incoraggianti hanno riguardato anche il settore dell’agricoltura, silvicoltura e pesca, con un incremento del 61,2%.

La tenuta del sistema produttivo

In questo scenario, un segnale importante di tenuta da parte del tessuto imprenditoriale nisseno emerge dalla sostanziale invarianza del numero di imprese attive (22.348 a fine 2010).
A livello settoriale si rileva una maggiore incidenza di imprese cessate nel commercio e nell’agricoltura. Da una analisi dei dati sulla base della forma giuridica emerge, quindi, l’arretramento del numero di ditte individuali (-1,2%), mentre l’aumento delle società di capitale (+7,7%) sottolinea l’evoluzione del sistema produttivo locale verso forme organizzative più strutturate e maggiormente competitive.

Il credito

Per quanto riguarda l’erogazione del credito, fondamentale motore di crescita dell’economia, si rileva una dinamica favorevole degli impieghi nel 2010 (+9,4%) superiore a quella registrata a livello nazionale (+7,4%). In merito invece alla rischiosità del credito stesso, i dati relativi all’evoluzione delle sofferenze bancarie mostrano un peggioramento rispetto al 2009 (+17,6%): la loro crescita risulta ad ogni modo ampiamente al di sotto dei tassi rilevati a livello regionale e nazionale (rispettivamente +33,6% e +30%). I tassi di interesse applicati dal sistema bancario in provincia nei confronti delle famiglie consumatrici e delle imprese risultano d’altra parte più elevati rispetto ai tassi nazionali, costituendo un ulteriore elemento di freno su una ripresa di per sé ancora debole.

PORTALE STATISTICO

Portale statistico-economico (Starnet)

e un portale gestito dall'Unione Nazionale delle Camere di Commercio e
collegato alla rete degli uffici studi e statistica delle Camere.

www.starnet.unioncamere.it
www.starnet.unioncamere.it


Risponde all'esigenza di raccogliere, organizzare e diffondere tutta l'informazione economico-statistica prodotta dal sistema camerale siciliano, anche grazie al collegamento on-line con il sito nazionale

Altri siti consigliati:

www.istat.it
www.unioncamere.it
www.starnet.unioncamere.it  
Per ogni ulteriore informazione al riguardo, è possibile contattare questa
CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO ED AGRICOLTURA DI CALTANISSETTA
Corso Vittorio Emanuele, 38
- Dott.ssa Rosalba Ferrara – tel 0934530656
e-mail rosalba.ferrara@cl.camcom.it
- Sig.Maurizio Amico – tel 0934530603
e-mail maurizio.amico@cl.camcom.it

http://www.istat.it